La Eames House (nota anche come Case Study House n. 8) è un punto di riferimento dell'architettura moderna della metà del 20° secolo, situata nel 203 Chautauqua Boulevard nel quartiere Pacific Palisades di Los Angeles. Fu costruita nel 1949, dai pionieri del design Charles e Ray Eames, marito e moglie, per fungere da casa e da studio. Ora è un museo storico della casa gestito dalla Fondazione Eames, è stato designato National Historic Landmark nel 2006.

Un sito di quasi 6 mila metri quadri vicino alla costa in Pacific Palisades, su un promontorio boscoso che un tempo faceva parte della grande tenuta di Will Rogers, fu scelto dagli Eames per la loro casa. Il progetto fu disegnato per la prima volta da Charles Eames con il collega architetto Eero Saarinen nel 1945 come una scatola in acciaio e vetro sollevata che sporgeva dal pendio e attraversava il vialetto d'ingresso prima di aggettare sul cortile anteriore. La struttura doveva essere costruita interamente con parti "disponibili" nei cataloghi dei produttori di acciaio. Immediatamente dopo la guerra, però, queste parti erano molto scarse. Nel momento in cui i materiali sono arrivati ​​tre anni più tardi, era stato impiegato molto tempo per riflettere tra un picnic e una esplorazione di tutto il lotto in cui doveva sorgere la casa.
Dopo un periodo di intensa collaborazione tra Charles e Ray, lo schema fu radicalmente cambiato verso una soluzione che prevdeva di adagiare delicatamente sul terreno evitando l'aggetto sul piacevole prato che fronteggiava la casa.

Eames House di Eames Studio
Il nuovo design della casa si inserisce incidendo il pendio con un muro di sostegno in cemento lungo 2,4 m e 60 m sul lato in salita.
Un piano mezzanino è stato aggiunto, facendo uso di una scala a chiocciola prefabbricata che doveva essere l'ingresso inferiore. Il livello superiore contiene le camere da letto e si affaccia sul soggiorno a doppia altezza. È stato inoltre introdotto un cortile, che separa la residenza dallo spazio dello studio. La facciata alta 5,1 m è suddivisa in una composizione rigidamente geometrica, alla Mondrian, pannelli dai colori vivaci tra sottili colonne d'acciaio e bretelle, dipinte di nero. La porta d'ingresso è contrassegnata sopra da un pannello in foglia d'oro. Una fila esistente di alberi di eucalipto è stata conservata lungo la parete esposta della casa, fornendo alcune sfumature e un contrasto visivo con la facciata audace della casa. Per quanto riguarda il design degli interni, la collezione Eames comprende, tra gli altri, le lampade da terra Isamu Noguchi, bambole kokeshi giapponesi, cuscini laccati cinesi, un cesto nativo americano pieno di steli d'erba intrecciati. 

Delle venticinque Case Study Case costruite, la casa Eames è considerata la più riuscita sia come soluzione architettonica che come spazio da vivere in maniera confortevole e funzionale. La sfacciata lucentezza del design lo ha reso uno sfondo molto apprezzato per i servizi di moda negli anni '50 e '60. Forse la prova del suo successo nell'adempiere al suo programma è il fatto che è rimasto al centro della vita e del lavoro di Eames dal momento in cui si sono trasferiti (la vigilia di Natale, 1949) fino alla loro morte.

Eames House è un esempio architettonico di spicco dell'influenza del movimento De Stijl al di fuori dell'Europa. Le pareti scorrevoli e le finestre conferiscono al marchio la versatilità e l'apertura del movimento De Stijl.
Fonte: Tradotto dalla versione inglese di Wikipedia -  https://en.wikipedia.org/wiki/Eames_House
 
Disegni acquistabili
Gallerie fotografiche
Gli ultimi articoli dal blog
  • DOWNLOAD
  • GRATUITO
    per tutti
  • GRATUITO
    per utenti Archweb
  • ABBONAMENTO
    per utenti premium
  • ACQUISTO SINGOLO
    paga 1 e scarica 1
Archweb correlati