Inaugurato nel 1963 è considerato uno degli edifici architettonicamente più importanti della sua era, l'Engineering Building a Leicester è assolutamente distintivo. Si distingue tra le parti più vecchie e nuove del campus, formando (con la Torre di Attenborough e l'edificio Charles Wilson) un terzo del trittico architettonico che definisce la silhouette dell'università.
Gli  architetti James Gowan e James Stirling, oltre all'ingegnere Frank Newby, hanno creato un pezzo unico di architettura moderna progettato attorno alle specifiche esigenze del Dipartimento di Ingegneria e all'angolo del campus disponibile.

In cima alle due aule a sbalzo si trovano due torri congiunte contenenti laboratori e uffici, il cui design si ispira alla sovrastruttura di una portaerei. Le "onde" increspate dei due grandi tetti di vetro, inclinati di 45 gradi rispetto alle torri, sono rivolte a nord per fornire un'illuminazione senza luce solare diretta (che potrebbe influire sugli strumenti delicati).

Ci sono in realtà due tipi di vetro nel tetto: vetro stratificato traslucido con uno strato interno di fibra di vetro e vetro opaco rivestito di alluminio. La distinzione tra i due diventa evidente solo di notte quando l'edificio è illuminato dall'interno.
Le pareti dell'edificio sono costruite in mattoni rossi Accrington e piastrelle olandesi rosse. In cima alla torre più alta c'è un serbatoio d'acqua per fornire pressione idraulica, mentre l'angolo della torre più corta è bombato per evitare la parte sporgente del Victoria Park. 

Leicester Engineering Department Building

 
Disegni acquistabili
Gallerie fotografiche
Gli ultimi articoli dal blog
  • DOWNLOAD
  • GRATUITO
    per tutti
  • GRATUITO
    per utenti Archweb
  • ABBONAMENTO
    per utenti premium
  • ACQUISTO SINGOLO
    paga 1 e scarica 1
Archweb correlati